MANUTENZIONE PRATI

Sfalcio periodico, Arieggiatura, Carotiaruta, Risemina, Trasemine, Concimazioni e Trattamenti fitosanitari e selettivi conto le erbe infestanti, verde, folto, morbido, fresco: quattro aggettivi che rischiano di non essere sempre applicabili al sostantivo ‘prato’. Rischio che, nella maggior parte dei casi, dipende da incuria nel periodo chiave, che va dall’inizio alla fine della primavera. In questi mesi, infatti, il manto erboso appare magari comunque piacevole, perché il clima fresco e umido consente in ogni caso un certo vigore alle graminacee; ma un tappeto erboso trascurato nelle fasi del risveglio e dello sviluppo sarà più sensibile ai danni provocati dal caldo estivo e dalle avversità come parassiti o malattie. Conviene dunque dedicare un po’ di tempo alla manutenzione, scegliendo le soluzioni che meglio consentono di prevenire i problemi e di ottenere un aspetto e una qualità dell’erba in linea con le aspettative di utilizzo Un fattore da evitare è quello della casualità: gli interventi di cura, se compiuti con regolarità, diventano meno faticosi e provocano minore stress alle graminacee che compongono il manto erboso. E fondamentale redigere un programma di manutenzione e iniziare i lavori ai primi tepori. Pulizia, arieggiatura, carotatura, trasemina e rullatura inseme ad un piano annuo di concimazione sono le carte vincenti per passeggiare in un tappeto verde!